Serie A Femminile

La Serie A ai nastri di partenza da domani con l’anticipo Fiorentina-AtalantaMozzanica

giovedì 20 settembre 2018

La Serie A ai nastri di partenza da domani con l’anticipo Fiorentina-AtalantaMozzanica

Con la sfida in calendario domani (venerdì 21 settembre - ore 15.00) tra la Fiorentina Women’s detentrice della Coppa Italia e l’AtalantaMozzanica, prende il via il Campionato di Serie A Femminile organizzato, a partire da questa edizione, dalla FIGC. Sono 12 le formazioni ai nastri di partenza della competizione che si articola in un girone unico secondo la formula di andata/ritorno per complessive 22 giornate. Il calendario delle gare prevede la disputa di 5 incontri al sabato e il posticipo domenicale delle 12.30 trasmesso in esclusiva da SKY Sport

Molte e significative le novità presenti nel roster delle partecipanti alla stagione 2018/19 dove salgono a 8 le squadre appartenenti a club professionistici maschili. A sfidare le campionesse d’Italia della Juventus saranno, oltre le sopracitate Fiorentina e AtalantaMozzanica, Sassuolo, Chievo Verona Valpo, Comunale Tavagnacco, Pink Sport Bari; le new entries Roma, Milan e Women Hellas Verona, subentrate rispettivamente a RES Roma, Brescia e AGSM Verona, e le società neo promosse dalla Serie B, Orobica Calcio Bergamo e CF Florentia. Saranno dunque sei i derby nell’arco della stagione: ad aprire la serie quello bergamasco tra Orobica e Atalanta Mozzanica (7a giornata), cui seguiranno Florentia-Fiorentina (9a) e infine la stracittadina scaligera tra Hellas e Chievo (10a).

Oltre all’anticipo in programma a Firenze, il calendario della 1a giornata propone al sabato le sfide Pink Bari-Milan, Sassuolo-AS Roma, Tavagnacco- Orobica Bergamo e Women Hellas Verona- CF Florentia. Nel posticipo SKY di domenica la Juventus ospiterà il Chievo Verona Valpo.

Calendario e designazioni arbitrali - 1° giornata

Venerdì 21/9 - ore 15.00
Fiorentina Women’s-Atalanta Mozzanica
Arb. Bianchini
Stadio Gino Bozzi, Firenze

Sabato 22/9 - ore 15.00
Pink Sport-Milan
Arb. Di Marco
Stadio “A.Antonucci” - Bitetto (BA)

Sassuolo-Roma
Arb. Emmanuele
Stadio “San Paolo D'Enza” - Reggio Emilia

Tavagnacco-Orobica Bergamo
Arb. Campagnolo
Stadio Comunale - Tavagnacco (UD)

Women Hellas Verona-Florentia
Arb. Croce
Stadio “Olivieri” - Verona

Domenica 23/9 – ore 12.30
Juventus-Chievo Verona Valpo (Diretta SKY Sport Serie A - 202)
Arb. Caldera Mondo Juve - Vinovo (TO)

Note Informative

Lo sviluppo del Calcio Femminile. Nelle ultime due stagioni sportive, grazie al percorso di riforme avviate dalla FIGC, numerosi club professionisti entrano nel calcio femminile con una propria squadra, dando un ulteriore impulso di crescita al settore anche attraverso lo sviluppo di competizioni giovanili (Danone Nations Cup Under 12, Under 15). La Fiorentina nel 2016/17 vince Scudetto e Coppa Italia, l’anno seguente è la volta della Juventus a laurearsi, alla sua prima esperienza in Serie A, Campione d’Italia dopo lo spareggio con il Brescia, mentre è ancora la Fiorentina ad imporsi in Coppa. Nel 2016, inoltre, l’Italia ospita la Finale della UEFA Champions League: quella maschile a Milano e quella femminile a Reggio Emilia, altro grande evento internazionale che la FIGC sfrutta sul fronte della promozione dell’attività. A coronamento di questo percorso, l’8 giugno 2018 arriva anche la qualificazione della Nazionale Femminile alla Coppa del Mondo FIFA - Francia 2019, 20 anni dopo l’ultima esperienza delle Azzurre in un Mondiale. Un risultato questo che conferma l’ottimo lavoro svolto a livello giovanile dalle Nazionali Femminili, qualificate entrambe alla Fase Finale dell’Europeo di categoria nella stagione 2017/18.

I campionati di Serie A e Serie B passano sotto l’egida della FIGC. Il percorso avviato dalla FIGC negli ultimi anni induce il Commissario Straordinario Roberto Fabbricini ad inquadrare la Divisione Calcio Femminile, per le attività del Dipartimento Calcio Femminile, nella Federazione Italiana Giuoco Calcio, dall’inizio della stagione 2018/2019. L’organizzazione dei campionati di Serie A e Serie B passa quindi direttamente alla Federazione, mentre alla LND resta l’organizzazione del Campionato Interregionale e dei campionati di Serie C e Serie D a livello regionale.